7 settembre 1977

don Andrea anni settanta

don Andrea anni settanta

/Settembre/1977: compleanno

Entro nel 33° anno di età

Un anno di grazia

Un anno di passaggio

Un anno decisivo

Tempo di libertà

“ di gioia

“ di Dio

“ di morire per risorgere

10/Ottobre/77 Cittaducale

Anno sabbatico, 33° di vita:

un anno che sia come uno stare nel ventre del pesce, come uno stare tre giorni nel sepolcro: poi il Signore farà cose nuove, mi condurrà verso il suo giorno.

Io debbo accettare il ventre, sotto il mare, il sepolcro, il tacere, il morire, il ritrovarmi solo, il venir meno di tanti e di tante cose, il non capire, il non sapere perché, l’obbedire, il sottomettermi, il camminare senza sapere dove vado a parare, l’affidarmi, il distaccarmi, il fare a meno di successo risultati soddisfazioni ricompense, il silenzio, il vuoto, il dubbio, l’incertezza, l’attendere, il confidare. Il resto è da Dio non da me. Il resto: cioè il risorgere, il rinascere, la luce, il frutto, uno sbocco.

Così sia.

Anno Sabbatico: liberare gli schiavi. Rendere gli altri liberi da me. Rompere ogni dipendenza, ogni rapporto di sottomissione, di “pendere dalle labbra”, di ammirazione, di consenso eccessivo, di fiducia eccessiva; non tenere gli altri legati a me, non pormi al centro della loro vita, non accaparrarmeli, non orientarli a me, venir meno ai loro occhi. Le mie capacità, la simpatia che suscito, l’affetto con cui sono trattato, l’amicizia con cui gli altri si sentono legati a me, la stima che riscuoto: tutto ciò non deve essere un laccio. (dal diario 1977-78)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *