Esortazione alla “comunione” e alla “pace” con chiunque…

incontro associazione11-6-17

Incontro soci e amici 11-6-17

Una lettera che appartiene all’epistolario che verrà pubblicato nel gennaio 2019. Avrà come numerazione lettera 35.

Roma, 3 giugno 1997 – Al consiglio dei responsabili

Carissimi,

vi scrivo queste due righe perché lunedì, al termine della riunione del consiglio dei responsabili, ho dimenticato due cose: una di dirvi, una da chiedervi. Quella da dirvi era un incoraggiamento a pro­seguire sulla via che ognuno di voi sta percorrendo nell’ambito delle realtà in cui è inserito e sul­la via di cammino di fede o di servizio che il Signore gli ha donato. Avete tutta la mia fiducia e la mia approvazione, tutta la mia benedizione di sacerdote e pastore della parrocchia. Ho visto nelle nostre diversità, come già vi dicevo a voce, un dono dello Spirito Santo, che distribuisce carismi e ministe­ri secondo la sua ricchezza e le nostre necessità. Anche sentirsi parte di un tutto è un suo dono: e questo costruisce l’unità, la collaborazione, la comunione: ognuno ha bisogno degli altri e gli altri hanno bisogno di ognuno di noi. Lodiamo Dio dunque, ringraziamolo e serviamolo. Mi vie­ne anche da dire: «Crescete e moltiplicatevi!» Che il Signore aggiunga altri fratelli e sorelle, per la sua gloria e il loro bene, che ogni membro di questo corpo cresca rigoglioso, secondo il volere di Dio e i suoi misteriosi disegni.

La cosa da chiedervi era: «Scambiatevi il segno di pace», cioè un segno di reciproco incoraggiament­o, di fiducia offerta e ricevuta, di piena comunione ed eventualmente di riconcilia­zione. La pace è fatta di conoscenza, di sostegno, di scambio, di compartecipazione, di risonanza gli uni agli altri di quanto lo Spirito ci va dicendo. La pace è fatta di un abbraccio, di una stretta di mano, di una parola. Tutto questo volevo chiedervi. E allora lo farete chiamandovi per telefono, in­contrandovi in parrocchia, facendovi visita nei rispettivi gruppi e comunità: ve lo chiedo e desidero che lo facciate.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *