Ho incontrato Don Andrea tre volte

Ho incontrato Don Andrea tre volte nella mia vita.
Il primo breve incontro avvenne sulle scale di casa… Con un piccolo seguito di ragazzetti e ragazzette era venuto a prendere un mio strumento musicale. Una spinetta. Strumento tedesco, ma assai delicato. Stava organizzando un concerto nella parrocchia della Trasfigurazione. Lo vidi e pensai: il classico “Prete bello”, non mi meraviglio che gli adolescenti stravedano per lui
Passarono molti anni. Erano i primi anni del 2000…. Quella sera Don Andrea avrebbe celebrato la Messa. Veniva dalla Turchia. Com’era cambiato il “prete bello”. Rimasi colpito dalla levità dei suoi movimenti. Dalla sua voce suadente. Tornato a casa, conclusi che Don Andrea si era mutato in un angelo o un arcangelo. Era la seconda volta che vedevo Don Andrea.
Lo rividi per la terza ed ultima volta poco dopo, il 26 gennaio 2006. Nonostante i suoi impegni era riuscito a trovare il tempo per venire alla Trasfigurazione per concelebrare la Messa funebre di mio fratello G.. La chiesa della Trasfigurazione era stracolma. Dal Presbiterio, Don Andrea con amore fraterno confortava il nostro dolore. Per un istante, il volto di Don Andrea parve ai miei occhi umidi di pianto identico a quello di mio fratello ormai chiuso per sempre nella sua bara. Non dimenticherò mai quell’ultimo sguardo di Don Andrea, mai. Mistero.
Passano pochissimi giorni. E’ il 5 febbraio 2006. E’ sera. Squilla il telefono. Don Andrea è stato ferito a morte nella sua piccola chiesa in Trebisonda. Per saperne di più corsi arrancando verso la Trasfigurazione. Farfugliavo a voce alta forse piangendo: Non si uccidono gli angeli. Gli angeli non si possono uccidere. Da allora ho sempre provato un affetto imprevedibile quanto repentino per i sacerdoti che incontravo e per Santa Madre Chiesa, dopo ben 48 anni che non frequentavo la chiesa. Mistero. Mi confessai e mi comunicai. Sono tuttora eucaristicodipendente. Mistero. Da allora, una piccola foto di Don Andrea sta sulla mia scrivania. Scorgo nei suoi occhi una fermezza calma e una determinazione non priva di incertezza. Mistero . Ho incontrato tre volte Don Andrea nella mia vita. Brevi istanti. Può così poco avere tanta influenza nel mistero di una vita? La mia vita.
S.P.L.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *